Press: Shape Of My Heart                                

27/11/2009

Press Reviews Collection (Italiano)

AMADEUS

"(…) Ma Katia Labeque è abituata agli incontri musicali importanti. Il suo lavoro nella classica e nel jazz se ne nutre da anni e anche questa è una occasione per sontuosi duetti che svelano un'intesa tra artisti autentica e non certo d'occasione…"


AUDIOVIDEOFOTOBILD

"Un grande disco da parte di un'artista davvero multiforme."


BLOW UP

"Primo, la Labeque conosce l'arte del pianoforte, suona per davvero, non fa finta. Secondo, "drammatizza" sempre quando sceglie di interpretare, lasciando qui e là quei silenzi e quelle indecisioni apparenti che da soli creano il mistero. Dalla copertina del cd, Katia guarda già oltre. Avanti il prossimo."


CLASSIC VOICE

"…il disco diventa un caleidoscopio disorientante. Eppure Katia quando fa la concertista tout-court sembra splendere di luce propria…"


CORRIEREBIT.COM

"Katia ama anche fare esperienze diverse, lontane dalla consuetudine più classica. Ci prova con questo disco duettando con artisti quali Sting, Herbie Hancock, Chick Corea e Gonzalo Rubalcaba, o interpretando i Radiohead. [...] Un disco interessante. Da acquistare."


IMPATTO SONORO

"Un album coraggioso e decisamente riuscito, che potrebbe far avvicinare molti giovani alle eleganti e sensuali sonorità della musica classica."


ITALIA OGGI

"Gioca tra pop e jazz in questo suo nuovo album la pianista francese Katia Labèque.[…] regala ai suoi ammiratori un disco affascinante, che vanta collaborazioni del calibro di Sting, Herbie Hancock, Chick Corea. Gonzalo Rubacalba e David Chalmin."


JAM

"Da sola la più passionale ed estroversa Katia se la gioca tra pop e jazz con l'album Shape Of my Heart. Un gran frullatore Sonoro, non privo di un certo fascino."


MUSIC IN

"La falda del mio cappello nasconde gli occhi di una bestia che solo lei, al piano, sa calmare…"


REPUBBLICA

"La Labèque volteggia con disinvoltura tra classica, jazz e pop: We will meet again e My funny Valentine sono perfette accanto a Chopin , Satie, ai Beatles di Because e ai Radiohead di Exit Music, trasformata in una pièce di musica contemporanea.


ROCKERILLA

"Katia Labeque rappresenta l'immagine vivente dell'artista insofferente a qualsiasi tipo di categorizzazione della musica.(…) Un intinerario, il suo, che sembra avere come mete finali la purezza assoluta del suono e la perfezione della melodia e che proprio per questo richiedere un' attenzione e una costanza d'ascolto superiori a quelle che comunemente si dedicano ad un disco. Per palati sofisticati."


ROCKSHOCK

"Shape Of My Heart è un disco prezioso: non capita tutti i giorni, infatti, che l’orecchio riesca a vibrare non per una chitarra ridondante o per una batteria convulsa, ma per un semplice e quasi inavvertibile sussulto di un tasto bianco."


SUONO

"Mescolando sapientemente i generi ed alternando ad hoc i brani il disco si racconta in un'atmosfera rilassata e musicalmente valida, facendo leva basilarmente sulla bravura della pianista (eccellente ed eclettica) e fidando sul contributo degli ospiti."


SALTINARIA.IT

"Dopo qualche minuto si fa fatica a distinguere i pezzi jazz da quelli pop, presi come si è dal turbine avvolgente del pianoforte di Mademoiselle Labeque. Anzi, si smette del tutto di provarci e si rimane semplicemente affascinati all'ascolto, rapiti dalle note che ci cullano soavi. “Shape of my Heart” è un cd che evoca immagini d'altri tempi (ma niente affatto anacronistico), da ascoltare seduti in poltrona davanti al caminetto con un whisky in mano, lasciando volare libera l'immaginazione. Che dire? Scommessa vinta, Mademoiselle!"


SOUNDMAGAZINE.IT

"La pianista, lasciata momentaneamente (e professionalmente) la sorella Marielle, si è messa in gioco totalmente, affrontando una sfida non da poco: quella di amalgamare generi distanti come il jazz, il pop e la musica classica. Il risultato è un’elegante scatola di madreperla contenente delle meraviglie."


TELEVIDEO

"Non è semplice coniugare stili antitetici come la classica ed il jazz, e perfino il pop, mescolarli e farne un tutt'uno omogeneo. Operazione che a Katia Labèque riescie alla perfezione. Album deliziosamente raffinato."


XTM.IT

"Con "Shape Of My Heart", Katia compie un'operazione che è lecito definire di "crossover", un album che riunisce una selezione di collaborazioni con amici musicisti proprio nell'ambito jazzistico, insieme a nuove registrazioni con musica di Satie, Chopin e Radiohead."